Oddson Hostel, innovazione minimale

Oddson Hostel, innovazione minimale

Progettato come uno spazio ibrido a metà tra un hotel e un ostello, Oddsson Ho(s)tel è attrezzato per ospitare fino a 230 ospiti tra un mix di camere di base e di lusso disposte lungo i corridoi curvi. Döðlur ha creato mobili su misura per lo spazio, abbinati con pezzi di designer famosi del 20 ° secolo tra cui Alessandro Mendini, Gerrit Rietveld, Pierre Jeanneret e EttoreSottsass. I nuovi pezzi si ispirano ai colori e alle texture presenti nell’edificio del 1940 JL House, che ospita l’ostello, i cui colori vivaci sono…

Il ritorno all’essenziale, come stile, di VyTA

Il ritorno all’essenziale, come stile, di VyTA

Il più recente corner si è aperto nella storica sala d’attesa della stazione di Santa Maria Novella a Firenze. Il concept vincente della bakery VyTA Santa Margherita si basa sul ritorno all’essenziale e la negazione del superfluo. La sapiente miscela tra gli elementi semplici della natura (acqua, grano e fuoco) e la pazienza e creatività dell’uomo, danno vita ad una molteplicità di forme, sapori e profumi unici. Nel raffinato ambiente, firmato dall’architetto Daniela Colli, i contrasti materici e cromatici rappresentano il perfetto mix tra tradizione e innovazione, il connubio tra…

La casa “rurale”: rifugio estivo nel cuore della Puglia

La casa “rurale”: rifugio estivo nel cuore della Puglia

Voglia d’estate e di relax, sono le prime emozioni che suscita questo interessante progetto realizzato nelle campagne di Polignano a mare. La cornice è uno dei luoghi più suggestivi della Puglia. Caratteristica fondamentale dell’intervento, che comprende sia il recupero di un trullo preesistente che l’integrazione di un nuovo volume ad L che genera una corte comune, è il rapporto tra innovazione e tradizione. Forte è l’intenzione, visibile dalla disposizione degli spazi e dalle soluzioni costruttive, di stabilire un legame intimo con il territorio e ciò che esso esprime. Il forte…

Fumi Coffee, RArt e Rest&Roll: un caffè dal sapore orientale

Fumi Coffee, RArt e Rest&Roll: un caffè dal sapore orientale

Dopo il Moony Cafè di Bucarest, l’appuntamento col caffè continua ma questa volta in Asia: in rassegna, tre coffeeshop, ognuno con una sua particolarità!   Fumi Coffee by Alberto Caiola, Shanghai-China In questo cafè di Shangai, Alberto Caiola, traduce i vapori aromatici del caffè in un soffitto scultoreo dalle linee morbide e sinuose: in leggera pendenza, via dal bancone, l’installazione fuoriesce dal locale per diventare tettoia sotto cui sostare e, di contro, esercita una forza centripeta attirando lo sguardo dei passanti verso il bancone dietro cui i baristi svolgono la loro…

RedValentino si tinge di Rosa

RedValentino si tinge di Rosa

Per il lancio del nuovo look dello store nel centro storico di Roma, la maison RedValentino sceglie….IL ROSA. La linea del concept, che anticipa un format che riguarderà tutti i negozi Red Valentino del mondo, è caratterizzato da colori pastello, linee morbide e la sapiente unione di materiali e consistenze opposte che come d’incanto si attraggono dando vita ad un’atmosfera unica. Il rosa cipria è il colore dominante nell’allestimento firmato dalla designer ed architetto irano-egiziana India Mahdavi. Romantica e rock allo stesso tempo, la boutique è riuscita ad incarnare l’idea…

Moony: un cafè nel cuore di Bucarest

Moony: un cafè nel cuore di Bucarest

                              Completato nel 2016 a Bucarest, Romania, Moony è il nuovo coffeeshop firmato dalla mano  di Corvin Cristian, architetto e product designer il cui nome ha avuto alta risonanza durante il quarto appuntamento della Romanian Design Week tenutasi dal 20 maggio al 5 giugno scorso. Questo del Moony non è esempio isolato dell’esperienza di Cristian nei food service interiors, infatti vanta numerosi progetti di interni di rinomati bar e ristoranti in città. L’unicità dello spazio è rappresentata…

Green 26 di Anonymstudio, Bangkok

Green 26 di Anonymstudio, Bangkok

Di Anonymstudio, con sede a Bangkok, il progetto di riqualificazione degli interni di una nota sede televisiva denominata ‘Green 26’. Non a caso, nella scelta della palette cromatica, il cliente ha fatto specifica richiesta di due soli colori: un bianco luminoso ed un verde foresta. Entrando nell’edificio si accede subito alla hall dove spicca il logo ’26’ della società, dipinto in verde su di una parete bianca. Bianca è anche la resina epossidica usata per i pavimenti che contribuisce a rendere lo spazio ancor più luminoso. L’intervento degli architetti ha…